Le 15 canzoni più belle sulla Nostalgia



Quali sono le canzoni più belle sulla nostalgia? Di canzoni nostalgiche meravigliose ce ne sono davvero tante perchè buona parte della musica si fonda su melodie malinconiche, su testi che parlano di amori finiti e riff disperati che sembrano lamenti. In poche parole stiamo parlando di quei brani che hanno fatto da colonna sonora a tanti abbandoni importanti della nostra vita, a tante storie concluse, ai brillanti giorni della gioventù e a capitoli della vita che, volenti o nolenti, abbiamo dovuto chiudere. 

Vediamo quindi quali possono essere le 15 canzoni più belle sulla nostalgia...

Le 15 canzoni più belle sulla nostalgia

Yesterday - The Beatles. Prepariamo subito i fazzoletti. La mitica "Yesterday" è forse la canzone in assoluto più bella sulla nostalgia. A partire dal suo titolo, esatto nella sua essenzialità, questo brano si distingue per una melodia nostalgica davvero inconfondibile e che riesce sempre a emozionare profondamente. 

Celeste Nostalgia - Riccardo Cocciante. Chi ha più di 40 anni assocerà istintivamente il brano alla scena del film "Sapore di Mare" in cui Jerry Calà rivede Marina Suma dopo 20 anni e le fa recapitare un biglietto con su scritto "Sei sempre la più bella. Luca". Per i più giovani c'è sempre Youtube che potranno anche riconoscere una giovanissima Alba Parietti seduta accanto all'ormai attempato Jerry/Luca. Prendete ed emozionatevi tutti: https://www.youtube.com/watch?v=T5v5HJU6Gk4

Sarà la Nostalgia - Sandro Giacobbe. Una delle canzoni italiane più amate degli Anni '80. Il protagonista rimembra la conclusione del suo amore sul fine dell'Estate cantando di barche vuote, regole del gioco rispettate poco e di giorni che finiranno per andare a male consumati nei ricordi. Evergreen.

Quella carezza della sera - New Trolls. Una delle canzoni più struggenti ed emozionanti dedicate alla figura del Padre. La nostalgia è per un padre che non c'è più e che viene rivisto, rivissuto e rimpianto nei ricordi d'infanzia. Melodia meravigliosa, universale ed anche trionfale per un Amore, quello tra figli e padri, che non può e non deve finire mai.

Liberi Liberi - Vasco Rossi. In questo caso saranno i giovani ad associarla ad un film, o meglio ad una serie, quale "Romanzo Criminale". Il perchè non possiamo dirvelo perchè peccheremmo di "Spoiler" ma tanto anche in questo caso c'è il caro, vecchio Youtube che può illuminare a riguardo. I più in là con l'età invece assoceranno questa splendida canzone ai bei tempi andati, magari chiedendosi "quella voglia di vivere che c'era allora chissà dov'è...."

Gli Anni - 883. La canzone della gioventù Anni 70/80, quella gioventù che si muoveva in grandi compagnie, che leggeva "Cioè", che andava in due in motorino, vestiva Roy Rogers, Wrangler, Tiglio, Ellesse e si esaltava per tanti filmoni quali "La febbre del Sabato Sera", "Grease", "Il cacciatore" eccetera. Il ritornello di questa canzone è qualcosa di mitologico.

Nostalgia Canaglia - Al Bano & Romina. Che caruccia "Nostalgia Canaglia". Melodia Nazional/Popolare per uno dei periodi più Nazional/Popolari della storia italiana. Questa canzone dice anche una grande verità ovvero che non si prova nostalgia soltanto per gli amori finiti e per la gioventù andata, ma la si può provare anche per una strada o un bar.

Mi manchi - Roberto Vecchioni. Il Vecchioni più delicato e raffinato si manifesta in questa bellissima canzone che merita di essere ascoltata più e più volte. Magari non è ai livelli di "Ultimo Spettacolo", "Luci a San Siro" e "Figlia", ma anche questo brano rientra tra le canzoni più centrate del professore.

Il tempo non torna più - Fiorella Mannoia. Casomai qualcuno covasse ancora la speranza di riportare le lancette indietro nel tempo ascolti questo brano e si metterà l'anima in pace. Ci pensa la splendida voce di Fiorella Mannoia ad accantonare tanti progetti di inforcare la prima Delorean e tornare indietro negli anni.

Il ragazzo della Via Gluck - Adriano Celentano. La campagna che muove verso la città è uno dei temi sociali cruciali degli Anni '60. Negli Anni del Boom le metropoli invitavano a pensare ad una nuova vita, ad un'esistenza più comoda di quella che era possibile vivere con il duro lavoro della terra. Tuttavia, i ricordi di'infanzia sono duri a morire e Celentano in questa canzone rimpiange il tempo in cui poteva correre a piedi nudi sui prati.

Musica...fantasia - Rondò Veneziano. In questo magnifico brano strumentale la nostalgia si manifesta in maniera solenne, quasi trionfale. Memorabile una loro esibizione di questa canzone, con Gian Piero Reverberi al pianoforte, il 9 dicembre 1990 presso la Stadthalle Cottbus per Melodien für Millionen sulla ZDF. Consigliatissima di loro anche "Nostalgia di Venezia".

Incontro - Francesco Guccini. In una delle canzoni più belle di Francesco Guccini i toni si fanno malinconici per il ritrovarsi di un'amicizia dopo la bellezza di 10 anni. I due protagonisti cercano, a fatica, di riassumere 120 mesi di distanza in breve tempo ("povera amica che narravi dieci anni in poche frasi ed io i miei in un solo saluto...") ed il finale sfuma con Guccini che torna in treno verso casa rimuginando sull'inevitabilità del trascorrere del tempo.

Eri bellissima - Ligabue. Il titolo dice già tutto perchè il verbo al passato e lo sbriluccicante aggettivo lasciano facilmente intendere che il Liga canta di un amore ormai andato. Viviamoli questi amori...non diamoli mai per scontati perchè poi potrebbero finire e il rimpianto sarà sempre quello di non aver dato di più alla persona amata.

Nostalgia - Zach Ferguson. Non solo malinconia e tristezza. La nostalgia può anche essere allegata ad un sorriso, ad un ricordo sereno e frizzante che in questo caso sembra celarsi tra le fresche note di questa canzone strumentale. Ancora non c'è su Youtube e quindi per ascoltarla è necessario sentirla su Spotify.

Nostalgy - Richard Clayderman. Con questa sonata da pianoforte del maestro Clayderman si torna invece al paradossale ripieno della nostalgia: la mancanza. Una cosa che manca non può riempire, fatta eccezione per la nostalgia, uno stato d'animo che si alimenta di vuoto, di qualcosa che c'era e ora non c'è più.

Chiudiamo questa immersione nella nostalgia con un bellissimo verso della canzone "L'ultimo spettacolo" di Roberto Vecchioni. 


Tale verso, vero e consolatorio, dice: "E non si è soli quando un altro ti ha lasciato, si è soli se qualcuno non è mai venuto".

 

Nessun commento:

Posta un commento

Di' la tua in proposito...